Tedeschi Trucks Band -Teatro degli Arcimboldi

Il tour europeo della Tedeschi Trucks li ha portati a suonare, anche in Italia, nella dimensione prediletta, quella dei teatri, ragione in più per rendere imperdibile la data del 17 aprile al More »

Larkin-Poe_live-ST89_foto-Francesca-Castiglioni-©

LARKIN POE – Spazio Teatro 89, Milano

Il 29 Marzo scorso allo Spazio Teatro 89 di Milano c’erano le Larkin Poe, band americana capitanata dalle sorelle Lovell. Fin dalla canzone che ha aperto il set “Summertime Sunset” si nota una More »

Trombone Shorty & Orleans Avenue – Santeria

Lo avevamo perso la scorsa estate a Fiorenzuola d’Arda, abbiamo rimediato lo scorso 27 marzo quando Troy “Trombone Shorty” Andrews con la sua formazione, Orleans Avenue, ha fatto tappa alla Santeria di More »

Il Blues n.146 Marzo 2019

        In questo numero troverete: William Ferris Dave Keyes Derek Trucks Johnny Tucker Martin Luther King Jr. Robert Kimbrough Sr. .. e tante recensioni!! Per poterlo leggere: http://www.ilbluesmagazine.it/ E non More »

INTERVISTA LARKIN POE

Incontriamo le sorelle Rebecca e Megan Lovell poco prima della loro esibizione al Druso di Bergamo, quasi intrufolandoci di nascosto nella loro privacy del backstage, in realtà accompagnate dalla road manager che More »

Lodi Blues Festival

Quest’anno il Lodi Blues Festival è tornato in scena nel suo abituale periodo dell’anno, in inverno, e nella sede storica, il Teatro alle Vigne. E’ stata dunque l’undicesima edizione della “Winter Session”, More »

Rhiannon Giddens & Francesco Turrisi – Folkclub

Un Folk Club di Torino esaurito, anche per i posti in piedi, ha sopperito al fatto che la prima volta in Italia di Rhiannon Giddens, fosse stata solo per una data, il More »

Category Archives: Slideshow

Tedeschi Trucks Band -Teatro degli Arcimboldi

Il tour europeo della Tedeschi Trucks li ha portati a suonare, anche in Italia, nella dimensione prediletta, quella dei teatri, ragione in più per rendere imperdibile la data del 17 aprile al Teatro degli Arcimboldi di Milano. Un pubblico trasversale per età e provenienza e ancor più numeroso rispetto al loro passaggio due anni addietro all’Alcatraz, ha assistito rapito ad un concerto formidabile e trascinante, di un collettivo semplicemente senza eguali nel panorama odierno.E’ stata una cavalcata in crescendo che ha avuto molti apici e ha messo in evidenza, lungo tutta la serata, il talento di un gruppo che sembra davvero respirare all’unisono.

LARKIN POE – Spazio Teatro 89, Milano

Larkin-Poe_live-ST89_foto-Francesca-Castiglioni-©

Il 29 Marzo scorso allo Spazio Teatro 89 di Milano c’erano le Larkin Poe, band americana capitanata dalle sorelle Lovell.
Fin dalla canzone che ha aperto il set “Summertime Sunset” si nota una virata verso i colori più punk e hard rock che negli album in studio sono poco tangibili. Dal vivo emerge uno sprint grintoso che mette in evidenza il lato rough delle sorelle di Atlanta. Quello che ha colpito di più è il marcato scollamento tra dischi e situazione live e, la successiva “Trouble In Mind”, ne è l’esempio concreto: mentre su album sfiora quasi suoni alla Jack White e risulta infarcita di trucco e parrucco grazie a effetti distorsivi, dal vivo è un pugno allo stomaco di ruvidezza e rock spettinato senza vaseline commerciali spalmate per vendere.

Trombone Shorty & Orleans Avenue – Santeria

Lo avevamo perso la scorsa estate a Fiorenzuola d’Arda, abbiamo rimediato lo scorso 27 marzo quando Troy “Trombone Shorty” Andrews con la sua formazione, Orleans Avenue, ha fatto tappa alla Santeria di Milano, unica tappa italiana del suo passaggio in Europa. Inizio puntualissimo, sono infatti le 21,30 quando il gruppo sale sul palco, nove elementi, con due coriste, due sassofonisti, due chitarristi oltre alla solida sezione ritmica per un concerto che come ripete lo stesso Shorty è animato dallo spirito delle feste.

Il Blues n.146 Marzo 2019

 

 

 

 

In questo numero troverete:

  • William Ferris
  • Dave Keyes
  • Derek Trucks
  • Johnny Tucker
  • Martin Luther King Jr.
  • Robert Kimbrough Sr.
  • .. e tante recensioni!!

Per poterlo leggere: http://www.ilbluesmagazine.it/

E non dimenticate di abbonarvi: http://www.ilblues.org/abbonati/

INTERVISTA LARKIN POE

Incontriamo le sorelle Rebecca e Megan Lovell poco prima della loro esibizione al Druso di Bergamo, quasi intrufolandoci di nascosto nella loro privacy del backstage, in realtà accompagnate dalla road manager che aveva appena finito di preparare il tavolo del merchandise e non smetteva di prendersi cura delle due star. Avevano appena finito di intrattenere gli acquirenti del VIP package, ovvero quel biglietto speciale che con una cifra ben superiore al normale prezzo di entrata permetteva di accedere in anticipo alla sala concerti, per assistere ad un paio di brano tra pochi intimi, salutare le Lovell, ricevere un poster firmato e pass dedicato, oltre a farsi fotografare accanto alle proprie beniamine. Su questo non c’è che dire, negli USA sono sempre un passo avanti, soprattutto da quando il supporto discografico è ormai diventato un guadagno quasi irrisorio e superfluo, le nuove idee come queste si sono rivelate vincenti e soprattutto fidelizzanti.

Lodi Blues Festival

Quest’anno il Lodi Blues Festival è tornato in scena nel suo abituale periodo dell’anno, in inverno, e nella sede storica, il Teatro alle Vigne. E’ stata dunque l’undicesima edizione della “Winter Session”, divisa nelle due serate 8 e 9 Febbraio. Per anni ci siamo ben “scaldati”, e per qualche appuntamento estivo anche “rinfrescati”, con artisti come Eric Bibb, Corey Harris, Jerry Portnoy, Duke Robillard, Roberto Ciotti, Fabio Treves, Francesco Piu e molti altri.

Rhiannon Giddens & Francesco Turrisi – Folkclub

Un Folk Club di Torino esaurito, anche per i posti in piedi, ha sopperito al fatto che la prima volta in Italia di Rhiannon Giddens, fosse stata solo per una data, il 18 gennaio scorso, a cui non potevamo mancare. Si presentava in duo con Francesco Turrisi, polistrumentista torinese residente da tempo in Irlanda. La Giddens è musicista di classe, dotata di una voce di non comune limpidezza, della quale ha padronanza assoluta, oltre a suonare con disinvoltura vari strumenti a corda. La collaborazione con Turrisi nasce dall’affinità che hanno scoperto tra il tamburello e il banjo, portandola poi verso varie forme di musica folk, insieme colta e popolare, antica e attuale, eseguita con controllo e grande sintonia. La cosa avrà un seguito anche discografico, visto che a maggio la Nonesuch editerà il loro album “There Is No ‘Other’”.

Beth Hart – Teatro Arcimboldi, Milano

Un ignaro pipistrello vola instancabile e indisturbato sopra la platea del Teatro Arcimboldi di Milano, il 26 Novembre scorso, divertendo il pubblico in fremente attesa. Forse ha percepito qualcosa di magnetico che pervade la grande sala : tra poco,infatti, inizierà uno dei concerti più attesi dell’anno. Finalmente, le luci si abbassano, un malinconico motivo si diffonde, ed ecco apparire Beth Hart in mezzo alla platea, scatenando la reazione del pubblico: strette di mano, baci, abbracci, perfino qualche baciamano, qualche immancabile selfie, mentre la cantante californiana inizia a cantare Don’t Explain, resa celebre dall’immortale Billie Holiday.

Concerto Pastor Ron Milano

Inizio col botto per la tournée italiana di Pastor Ron, che dopo la prima data è proseguita Domenica 9 Dicembre al Teatro Gregorianum di Milano: l’esuberante pastore, con una formazione quasi del tutto rinnovata, ha nuovamente entusiasmato il numeroso pubblico (che ha fatto il quasi tutto esaurito) con la sua consueta performance trascinante.

Larkin Poe – Druso

Siamo andati al concerto delle Larkin Poe, le sorelle Lovell, Rebecca (chitarre e voce) e Megan (lapsteel e voce) da Atlanta,Georgia, accompagnate da basso (Tarka Layman) e batteria (Kevin McGowan), perché attratti con la stessa modalità, come per la prima volta in Italia, di Fantastic Negrito, un video promozionale su youtube nella versione di un ruvido blues. A volte dal vivo c’è l’effetto “sorpresa” e, nel caso delle due sorelle, non ha sortito del tutto quello che noi pensavamo, una buona dose di blues, anche contaminato, ma riconoscibile.