Soundtracks Jazz and Blues Festival

Il forte rischio di far parte dell’elenco “rinviato per la drammatica situazione mondiale in corso”, era opprimente anche per lo storico Festival (quindici edizioni), dalla conformazione itinerante fra alcuni comuni dell’alto milanese. More »

Il Blues n.152 Settembre 2020

            In questo numero: Amiri Baraka Harmonica Shah Yazoo Records Benny Turner Jim Morrison Scott Ellison Eddie Shaw Recensioni Italiane ed Estere .. e tanto altro!! Per More »

INTERVISTA SUPERDOWNHOME

Introduzione Hanno aperto i concerti di tutti i mostri sacri del blues e non solo, sono andati a Memphis per l’International Blues Challenge, guadagnandosi pure un invito al Cigar Box Festival di More »

Dal Mississippi Al Po 2020

La XVI edizione del festival Dal Mississippi Al Po si è aperta il 27 agosto con una line up d’eccezione: Roberto Luti & Angelo Leadbelly Rossi seguiti da Gnola Blues Band feat. More »

Trasimeno Blues Festival 2020

La musica come medicinale; viatico per ogni tipo di trattamento, sia si tratti di malessere psicofisico o semplicemente spirituale, ed in un contesto difficile e inusuale come quello che stiamo vivendo il More »

TORRITA BLUES 2020

Never give up! Quest’anno il Torrita Blues Festival lo vogliamo sottotitolare così. Non è il solito evento e non può essere diversamente visto le innumerevoli restrizioni dovute al covid, ma proprio per More »

Il Blues n.151 Giugno 2020

            In questo numero: Maxwell Street Jimmy Davis Robert Johnson John Lee Hooker Robert Lee Coleman Eliza Neals Dave Van Ronk Alberta Hunter Recensioni Italiane ed Estere More »

Tag Archives: Sullivan Fortner

Dee Dee Bridgewater – Bologna Jazz Festival 2014

L’emozione nell’attesa di un evento regna sempre su tutto. Cerchi di ricordarti i particolari su cui non puoi perdere la concentrazione e grazie ai quali la tua performance sarà valutata. Richiami le tue conoscenze, cerchi di caricare la fiducia nelle tue capacità ed ecco che ad un certo punto tutto ha inizio e un ennesima porta si apre, un sipario, che pur perpetuando il suo rito non è mai ripetitivo. Comincia sempre così un esibizione, sia per chi sta sul palco, sia per chi non ne ha l’onore ma ha il compito di raccontare per immagini tutto quello che nasce dallo studio, dall’energia e dalla forza che nel jazz si chiama improvvisazione. Inizia così Theo Croker, senza esitazioni come se continuasse un chorus mai interrotto, sottovoce con la sua tromba richiama il pubblico all’ascolto. Incredibile purezza di suono e sensibilità nell’esprimere le dinamiche.