Soundtracks Jazz and Blues Festival

Il forte rischio di far parte dell’elenco “rinviato per la drammatica situazione mondiale in corso”, era opprimente anche per lo storico Festival (quindici edizioni), dalla conformazione itinerante fra alcuni comuni dell’alto milanese. More »

Il Blues n.152 Settembre 2020

            In questo numero: Amiri Baraka Harmonica Shah Yazoo Records Benny Turner Jim Morrison Scott Ellison Eddie Shaw Recensioni Italiane ed Estere .. e tanto altro!! Per More »

INTERVISTA SUPERDOWNHOME

Introduzione Hanno aperto i concerti di tutti i mostri sacri del blues e non solo, sono andati a Memphis per l’International Blues Challenge, guadagnandosi pure un invito al Cigar Box Festival di More »

Dal Mississippi Al Po 2020

La XVI edizione del festival Dal Mississippi Al Po si è aperta il 27 agosto con una line up d’eccezione: Roberto Luti & Angelo Leadbelly Rossi seguiti da Gnola Blues Band feat. More »

Trasimeno Blues Festival 2020

La musica come medicinale; viatico per ogni tipo di trattamento, sia si tratti di malessere psicofisico o semplicemente spirituale, ed in un contesto difficile e inusuale come quello che stiamo vivendo il More »

TORRITA BLUES 2020

Never give up! Quest’anno il Torrita Blues Festival lo vogliamo sottotitolare così. Non è il solito evento e non può essere diversamente visto le innumerevoli restrizioni dovute al covid, ma proprio per More »

Il Blues n.151 Giugno 2020

            In questo numero: Maxwell Street Jimmy Davis Robert Johnson John Lee Hooker Robert Lee Coleman Eliza Neals Dave Van Ronk Alberta Hunter Recensioni Italiane ed Estere More »

Tag Archives: trent ayers

CEDRIC BURNSIDE PROJECT – Descendants Of Hill Country (USA) -2015-

cedricL’esperienza di una persona anziana…un nonno in questo caso, R.L. Burnside. Fra figli e nipoti che gli giravano per casa, probabilmente aveva intuito che Cedric era quello che più di tutti poteva fare onore all’eredità musicale del nonno, il quale lo ha voluto accanto come batterista. Cedric non si è fatto “distrarre” da altre cose, il suo primo obiettivo era diventare un musicista credibile, e ce l’ha fatta. Non solo giù nel Mississippi, ma anche da altre parti ha avuto riconoscimenti ed è considerato uno dei migliori giovani esponenti del blues delle Hills. Il suo fisico scolpito (a proposito, bella la foto in bianco e nero di copertina che lo ritrae con uno sguardo intenso), non deve far pensare ad un musicista che suona solo blues tutto muscoli, magari anche con derive come l’hip hop.  [continua a leggere]