Ascoltando le prime note di questo album verrebbe subito da dire che c’è effettivamente qualcosa di buono: un accordo iniziale dell’elettrica, subito doppiato dalla chitarra acustica, su cui poi si distribuiscono le note dell’armonica e da cui parte il canto. L’incedere è lento, molto cadenzato, ma sa certamente catturare l’ascoltatore e… [continua a leggere]

Category
Tags

Comments are closed

Il Blues Magazine