Proviene da Helsinki questo brillante quintetto, nato nel 2014, che già ottenuto diversi riconoscimenti per le sue esibizioni vivaci e l’accattivante presenza scenica. Presentandosi con una eleganza discreta, gli Hi-Five Quintet combinano sapientemente le armonie degli anni ‘50 e ‘60 con suoni moderni, risultando in un’esperienza di ascolto coinvolgente. La capacità della band di fondere perfettamente queste influenze testimonia la loro abilità musicale e la creatività, come ascoltiamo dalla voce di Saara Koivisto che si presenta nell’apertura di “Carousel”. L’EP in questione si caratterizza per le sei composizioni originali, dopo che gli album precedenti li avevano visti prevalentemente interpretare alcuni classici dell’epoca a cui facevamo riferimento in precedenza.

L’orecchiabile funky di “Stand Up” attinge al patrimonio soul di matrice Motown, che però i cinque musicisti finnici offrono con notevole trasporto: qui emergono gli assoli del chitarrista Olli Virkkunen e del tastierista Jari Martikainen, con quelle sonorità del passato che però si ascoltano con grande piacere. La morbidezza della voce della cantante si esprime in “Old Time Magic”, con quel tocco di sentimento ed emozione che riesce sempre a esprimere in ogni contesto: il suo approccio misurato emerge pure in “Never Knew”, una ballata dove la sua voce ammaliante avvolge l’ascoltatore, mentre la successiva “I WantYou Back” cresce di intensità, dalla delicata ritmica introduttiva (ad opera di Kimmo Lehtola al basso e Markku Mäntymaa alla batteria), fino al trascinante finale, in cui voce e chitarra dialogano all’unisono, ben supportati dai cori.

Il delicato slow “Make Believe” è forse l’apice del dischettino (neanche 24 minuti, sigh), con il canto di Saara che si libra verso alte vette, pregevolmente seguito dalla Fender di Virkkunen, in una sorta di inno di gioia e di speranza. “The Land Of Make Believe” è decisamente un album di grande spessore, che mostra una straordinaria miscela di blues, rhythm & blues, soul: dopo aver vinto il loro Blues Challenge nazionale, gli Hi-Five Quintet hanno rappresentato la Finlandia all’European Blues Challenge 2023, in Polonia. Vista la qualità di questi ottimi musicisti, ci auguriamo dunque che il loro futuro quarto lavoro solista proponga un numero più consistente di brani, per il piacere e il gradimento di noi ascoltatori.

 

Luca Zaninello

 

Category
Tags

Comments are closed

Il Blues consiglia

 

Per la tua grafica

Il Blues Magazine