Parafrasando il titolo dell’ultimo album di JP Soars, ci verrebbe da dire che il cantante e chitarrista californiano ha sempre costruito la sua carriera musicale un mattone alla volta, conquistando progressivamente sempre più appassionati con il suo suono unico e coinvolgente. “Brick By Brick” riflette questo approccio in qualche modo artigianale, dove testimonia la sua versatilità e la sua capacità di fondere diverse influenze musicali con maestria. La title track apre il dischetto con un accattivante riff che lascia poi spazio al sorprendente “Jezebel”, dove John Paul si avventura nel vocabolario del gipsy jazz, creando un ritmo irresistibile che cattura l’ascoltatore con la sua vivacità. Molte di queste canzoni hanno iniziato a prendere forma durante la pandemia, periodo in cui il chitarrista ha sperimentato diversi suoni e atmosfere: il risultato emerge anche da tracce come “Can’t Keep Her Off My Mind”, un esplosivo brano country che evidenzia l’energia contagiosa della band.

Proprio questa capacità di esplorare un’ampia varietà di generi, fra cui aggiungiamo il folk proposto da “Merlin Stomp”, offre quella miscela di stili che fanno emergere la spontaneità e la creatività dell’intera formazione: “In The Moment” è un lungo strumentale intimo, che oltre a mettere in risalto le qualità di Soars sulla chitarra classica, offre una pausa di riflessione di particolare intensità. La reinterpretazione di “That’s What Love Will Make You Do” di Little Milton è un altro punto forte, dove il nostro dimostra la sua padronanza del blues classico: ulteriormente ribadita dagli umori del Delta che emergono in “The Good Lord Will Provide” e dalla rassicurante cadenza di “Honey and Hash”. Tra i momenti più brillanti dell’album, spicca “Things Ain’t Working Out”, una potente ballata sulla fine di una relazione, mentre “Keep Good Company” trasmette un messaggio di saggezza con testi incisivi e un groove coinvolgente. La conclusione dell’allegra “Down by The Water” arricchisce ulteriormente il suono eclettico della band, confermando il talento di JP Soars, artista completo che riesce a mescolare con abilità e passione molteplici generi musicali.

 

Luca Zaninello

 

Category
Tags

Comments are closed

Il Blues consiglia

 

Comfort Festival 2024

Per la tua grafica

Il Blues Magazine