INTERVISTA SUPERDOWNHOME

Introduzione Hanno aperto i concerti di tutti i mostri sacri del blues e non solo, sono andati a Memphis per l’International Blues Challenge, guadagnandosi pure un invito al Cigar Box Festival di More »

Dal Mississippi Al Po 2020

La XVI edizione del festival Dal Mississippi Al Po si è aperta il 27 agosto con una line up d’eccezione: Roberto Luti & Angelo Leadbelly Rossi seguiti da Gnola Blues Band feat. More »

Trasimeno Blues Festival 2020

La musica come medicinale; viatico per ogni tipo di trattamento, sia si tratti di malessere psicofisico o semplicemente spirituale, ed in un contesto difficile e inusuale come quello che stiamo vivendo il More »

TORRITA BLUES 2020

Never give up! Quest’anno il Torrita Blues Festival lo vogliamo sottotitolare così. Non è il solito evento e non può essere diversamente visto le innumerevoli restrizioni dovute al covid, ma proprio per More »

Il Blues n.151 Giugno 2020

            In questo numero: Maxwell Street Jimmy Davis Robert Johnson John Lee Hooker Robert Lee Coleman Eliza Neals Dave Van Ronk Alberta Hunter Recensioni Italiane ed Estere More »

INTERVISTA A FOLCO ORSELLI

Abbiamo incontrato Folco Orselli al Joh Barleycorn di Milano per l’organizzazione di uno degli appuntamenti del Dr Feelgood Beer & Talk Show, il format che veniva condotto da Maurizio Faulisi e trasmesso More »

A Virus Called Blues

            Pillole musicali  per sopravvivere alla Quarantena GARY SMITH’S BLUES BAND – Gary Smith’s Blues Band (Messaround) -1974- MAGIC SLIM – Alone And Unplugged (Wolf) -1996- BUDDY GUY – Blues Singer (Silvertone) More »

Tag Archives: Summer Jamboree

Summer Jamboree 2019

“The Blues Had A Baby And They Named It Rock And Roll” diceva un tale…. e chissà se quel personaggio lo pensava veramente o era solo un pretesto per un’altro dei suoi racconti. Fatto è che quel bambino è ormai cresciuto e ha girato in lungo e in largo tutto il globo, facendo proseliti e seguaci fedeli. In Italia c’è un posto dove ama recarsi da venti anni e stabilirsi per più di una settimana; quel posto si chiama Summer Jamboree e lo trovate nella bellissima cornice di Senigallia, nelle Marche. Dodici giorni in questo 2019, dal 31 luglio all’11 agosto con tutti gli eventi correlati che ormai caratterizzano il festival a cominciare da una mostra fotografica bellissima, intitolata “Rock’N’Roll Is A State Of The Soul” dove fino al 29 settembre, 41 fotografi raccontano le prime due decadi di questa incredibile avventura attraverso 341 scatti e immersioni multimediali. Va detto che il festival ha il merito, più di altri, di aver creato negli anni una forte relazione tra immagine e musica diventando, non solo appuntamento musicale obbligato per gli amanti del genere ma anche un affascinate meeting per chi voyeuristicamente ama solo vedere e osservare. La musica però ha e avrà sempre un ruolo dominante al Summer Jamboree e quindi tornando al tale di inizio articolo, sarebbe stato contento di sapere che quel blues del quale parlava, resta sempre un punto ben presente in molti dei musicisti che si sono esibiti ad iniziare da chi ha avuto l’onere e l’onore di inaugurare il nuovo episodio del SJ.

Summer Jamboree 2018

“Una rotonda sul mare, il nostro disco che suona… vedo gli amici ballare, ma tu non sei qui con me.” Caro Fred, dopo anni e anni di stressante ricerca sul motivo del vostro mancato incontro, abbiamo finalmente risolto la questione. E certo che non era li con te…era al Summer Jamboree, dove altrimenti!!!! Che poi, forse se fossi rimasto dall’una alle quattro di mattina alla Rotonda, forse l’avresti anche incontrata di nuovo. Diciannove le candeline in questa nuova entusiasmante edizione che come sempre raccoglie mille eventi fra concerti, dj set, lezioni di ballo, mostre, mercatini, burlesque e sfilate roboanti; quest’anno dall’1 al 12 agosto su quella che ormai potremmo definire la capitale italiana de rock n roll e non solo, Senigallia.

Summer Jamboree 2017

Banale sarebbe cominciare questa cronaca rimarcando il fatto che il Summer Jamboree diventa maggiorenne con l’edizione 2017; in verità il festival di Senigallia è una kermesse che ha bruciato le tappe, perché già maturo ormai da anni per organizzazione e pianificazione. Una macchina “da guerra” ben rodata che nulla lascia al caso, anche se per chi non ha ancora frequentato (speriamo pochi) gli scenari del Jamboree, il primo impatto può apparire un po’ caotico e stordente soprattutto durante i weekend. Anche nel suo diciottesimo compleanno va evidenziata una frequentazione record con oltre 400 mila presenze nei suoi 9 giorni dal 29 luglio al 6 agosto, con l’aggiunta quest’anno di una anteprima dal 26 al 28 luglio.

SUMMER JAMBOREE 2016

Elvis vive! Sì, era proprio la; lo abbiamo visto nel mezzo di una folla in delirio che anche quest’anno, ha partecipato alla festa più hot dell’estate italiana. Il diciassettesimo Summer Jamboree di Senigallia ha colorato ancora una volta il centro marchigiano offrendo ai suoi frequentatori, balli, mostre, musica, esposizioni, cibo ma sopratutto tanto divertimento nell’ormai consueto stile americano anni 40/50. Un modo di essere e apparire, che ha reso celebre e appetibile la kermesse anche fuori confine.

Summer Jamboree 2015

20 Agosto 2000; Angelo Di Liberto è emozionato ed entusiasta… un giorno tutto dedicato al suo Rock n Roll; nei piccoli giardini della scuola Pascoli di Senigallia quattro band si alterneranno di fronte ad un pubblico, non numerosissimo. di veri fanatici del genere. 9 Agosto 2015; Angelo Di Liberto è sempre emozionato anche se apparentemente più rilassato rispetto al 2000; le cose sono leggermente cambiate…quel festival partito 15 anni prima, il Summer Jamborre, ha contato quest’anno un’affluenza di oltre 400.000 persone; trasformandosi in uno delle rassegne del settore (e non solo) più importanti e seguite al mondo.

SUMMER JAMBOREE

Edizione numero quattordici per il Summer Jamboree, manifestazione che inonda e colora la città di Senigallia nel mese di agosto (quest’anno dal 3 all’11) con un afflusso sempre più sorprendente per numero e differenze generazionali. Il tema conduttore è quello della cultura anni ‘40 e ’50 (soprattutto americana) fra balli, mostre, mercatini, party, burlesque, sfilate di auto d’epoca e tanto altro ancora. Ruolo fondamentale assume la musica live, che dislocata in tre palchi principali offre la possibilità di un tuffo nel passato trasformandosi in esuberanti ballerini o attenti ascoltatori. In tutto questo mosaico non poteva certo mancare il blues, quello di matrice “bianca”, a volte astutamente nascosto o vestito di swing e rock ‘n’ roll, ma pur sempre collante imprescindibile per un suono e un’era che ha cercato di trasformarlo.