Queste selvagge ossa di strada ne hanno fatta, come recita il titolo del loro lavoro, essendo arrivati nel gennaio di quest’anno fin nei sacri luoghi del blues, ovvero Clarksdale e il Mississippi (anche se definire sacri i luoghi della musica del diavolo sembra quasi un controsenso…)… [continua a leggere nel numero di giugno]

Tags

Comments are closed

Il Blues Magazine

Il Blues consiglia

 

Pel la tua grafica