INTERVISTA SUPERDOWNHOME

Introduzione Hanno aperto i concerti di tutti i mostri sacri del blues e non solo, sono andati a Memphis per l’International Blues Challenge, guadagnandosi pure un invito al Cigar Box Festival di More »

Dal Mississippi Al Po 2020

La XVI edizione del festival Dal Mississippi Al Po si è aperta il 27 agosto con una line up d’eccezione: Roberto Luti & Angelo Leadbelly Rossi seguiti da Gnola Blues Band feat. More »

Trasimeno Blues Festival 2020

La musica come medicinale; viatico per ogni tipo di trattamento, sia si tratti di malessere psicofisico o semplicemente spirituale, ed in un contesto difficile e inusuale come quello che stiamo vivendo il More »

TORRITA BLUES 2020

Never give up! Quest’anno il Torrita Blues Festival lo vogliamo sottotitolare così. Non è il solito evento e non può essere diversamente visto le innumerevoli restrizioni dovute al covid, ma proprio per More »

Il Blues n.151 Giugno 2020

            In questo numero: Maxwell Street Jimmy Davis Robert Johnson John Lee Hooker Robert Lee Coleman Eliza Neals Dave Van Ronk Alberta Hunter Recensioni Italiane ed Estere More »

INTERVISTA A FOLCO ORSELLI

Abbiamo incontrato Folco Orselli al Joh Barleycorn di Milano per l’organizzazione di uno degli appuntamenti del Dr Feelgood Beer & Talk Show, il format che veniva condotto da Maurizio Faulisi e trasmesso More »

A Virus Called Blues

            Pillole musicali  per sopravvivere alla Quarantena GARY SMITH’S BLUES BAND – Gary Smith’s Blues Band (Messaround) -1974- MAGIC SLIM – Alone And Unplugged (Wolf) -1996- BUDDY GUY – Blues Singer (Silvertone) More »

Tag Archives: Mauro Ferrarese

Eventi 2018

  • Bluessuria Party

Appuntamento al 28 e 29 dicembre prossimi al Butterflies di Trecase (Na), con Mauro Ferrarese (28) e Veronica Sbergia e Max De Bernardi, con ospite Lino Muoio (29). Info: https://www.facebook.com/pg/Bluessuria-415316495206574/events/?ref=page_internal

  • Natale in Blues

A Brescia appuntamento il 16 dicembre dalle 15 alle 18 in piazza Duomo, organizzata da dall’associazione Brescia In Blues in  collaborazione con l’associazione Angelman. Sei gruppi si alterneranno sul palco e la serata proseguirà con una jam presso il Music Temple di via Giorgione.

  • Bloom In Blues – Christmas Blues Party

Dedicato alla memoria del fondatore di Italian Blues River, Gianni Mangione, il concerto di Natale al Bloom di Mezzago, domenica 16 dicembre. Sul palco ci saranno: Max De Bernardi, Leo Ghiringhelli, Enea Barzaghi. Info: https://bloomnet.org/events/328/16-dicembre-2018-9-christmas-blues-party-live-jam-session

  • Riccardo Ceres 

Il cantautore “pulp”, presenta il suo nuovo album, Spaghetti Southern, il prossimo 7 dicembre al Sanacore Roots Pub di Sala di Caserta (Ce), accompagnato da Fabio Tommasone (piano elettrico) e Raffaele Natale (batteria). Info: https://www.facebook.com/events/440928843107398/

  • Concerto Pastor Ron a Milano

Da Cleveland, Ohio, ritorna ancora una volta a Milano uno degli spettacoli gospel più intensi e trascinanti: il pastore battista Ron Ixaac Hubbard e il suo gruppo si esibiranno presso il teatro Gregorianum, la prossima Domenica 9 Dicembre. Dopo essere già venuto in Italia nei mesi scorsi ed essere stato soprattutto uno dei protagonisti a Novembre della Gospel Connection, il workshop di riferimento per tutti gli amanti di questa musica, Pastor Ron ci regalerà un’altra serata indimenticabile, capace di regalare sorrisi, entusiasmo, divertimento, emozione: in una parola, gioia. L’organizzazione è sempre curata dall’italiana Alma Music Project. Info: https://www.facebook.com/pg/SalaGregorianum/events/

  • La storia del Blues

Presso l’auditorium S. Barnaba di Brescia, il 9 dicembre alle ore 16,30, si terrà il secondo appuntamento con la rassegna “La storia del blues – il blues e le sue derivazioni”, spettacolo con narrazione e musica dal vivo di Freddy Dellaglio.

  • Premio Herbie Goins

Si terrà al club l’Asino che Vola di  Roma il prossimo 9 dicembre la serata del premio intitolato allo scomparso Herbie Goins. La serata si propone di onorare la memoria di Goins, creando un premio in suo nome, a cadenza annuale, che riconosca personalità che si sono distinte nell’ambito della musica afroamericana. Tra i premiati di quest’anno, Stefano Palma, Mario Insenga, Luciano Duro e Tommaso Cerroni. Info: https://www.facebook.com/events/2053265111651016/

ITALIAN BLUES CHALLENGE

Lo scorso 6 Ottobre nel bellissimo Teatro Verdi di Fiorenzuola D’Arda (PC) si è tenuta la finale dell’Italian Blues Challenge, l’annuale opportunità per un gruppo, un duo o un solista, di partecipare alla finale Europea che, per questa edizione, si terrà alle Azzorre nell’Aprile 2019, organizzata dall’European Blues Union. I quattro finalisti italiani sono usciti dopo un percorso che prevede un invio di materiale da sottoporre ad un gruppo di addetti ai lavori, i quali scelgono chi poi parteciperà alle semifinali, questa volta dal vivo, divise per zone: Nord Est, Nord Ovest, Centro, Sud, da cui vengono infine selezionati i quattro finalisti. Questa edizione se la sono contesa, in ordine di apparizione davanti ad una apposita giuria più un pubblico in sala: The Drive, Mauro Ferrarese, Paolo Mizzau & Doctor Love, Tito Blues Band. Sono stati quattro criteri di proporre del blues e quello che più ha convinto la giuria è stato quello dei The Drive. E’ una composita formazione nata di recente, due giovani realtà già affermate nel panorama del Blues In Italy che si sono unite, i Poor Boys (Ste Barigazzi chitarra e voce, Henry Zanni batteria) e Angela Esmeralda & Sebastiano Lillo (Angela è una cantante e Sebastiano suona le chitarre e canta). Il tempo sarà giudice della loro compattezza e convinzione, nel frattempo siamo sicuri che i The Drive alla finale europea alzeranno l’asticella della realtà del Blues Made In Italy. Ad arricchire l’ottima serata della finale italiana, organizzata dall’Associazione Italian Blues Union, c’è stata la presenza di ospiti, i musicisti Paolo Bonfanti e Davide Speranza e gli autori di libri Massimo Carlotto e Roberto Caselli.

 

                                                                                                        Silvano Brambilla          

Voosa-Teatro 89 Milano

A dispetto del cartellone i Voosa, il nome che hanno scelto deriva proprio dalla trascrizione dal dialetto lombardo, urlare, si presentano non in trio ma in quartetto, con Mauro Ferrarese, Alessandra Cecala e Angelo “Leadbelly” Rossi, c’era infatti l’ottimo batterista Angelo Fiombo.

Festival 2016

  • Continua  Nei Vicoli del Blues una rassegna di blues organizzata da Angeliblues in collaborazione con Bourbon Street Jazz Club dal 4 Novembre al 16 Dicembre. Si esibiranno Juke Joint 4tet, The Moonshiners, Glen Martin Blues Band, Hill Side Power Trio, e la chiusura affidata all’astro nascente Fabio Marza Band venerdì 16 dicembre. Info: https://www.facebook.com/Nei-vicoli-del-Blues-225304027887037/
  • Inizia venerdì 2 dicembre la rassegna A Blues Winter Story, una serie di concerti blues presso il Flambard di Trento. Si esibiranno i Poor Boys, Lukas Insam Trio, The True Blues Band, Dos Equis XX, The Fireplaces, Thomas Guidicci, Fabio Marza Band. Info: https://www.facebook.com/flambardtrento/
  • Continua la rassegna Milano Blues 89 allo Spazio Teatro 89 in Via Fratelli Zoia 89 a Milano, con i concerti di Paul Venturi & The Junkers il 5 Novembre e di Egidio “Juke” Ingala & The Jacknives il 19 Novembre, Matteo Sansonetto Blues Revue il 2 Dicembre. Info: http://www.spazioteatro89.org/

Frammenti Blues Festival-Somma Lombardo

Da anni ormai la tradizionale stagione dei Festival a cielo aperto che si concentrava nei due/tre mesi estivi, ha perso in parte il suo monopolio. Causa anche variazioni   climatiche, è successo che organizzatori di Festival, pur sempre “collegati al bollettino meteo”, entrassero in azione già al risveglio della natura, in primavera, e prolungassero la stagione fino all’inizio dell’autunno. Ed è proprio nel periodo delle foglie morte che si è tenuto a battesimo un nuovo Festival, “Frammenti Blues”, andato in scena nei giorni 7/8/9 ottobre in un cortile interno del Castello Visconti San Vito di Somma Lombardo, una cittadina questa che ha già avuto un ottimo passato blues e gospel grazie a quel funambolico di Gianfranco Skala che, in coppia con Aldo Pedron, sono stati collaboratori e conduttori del Festival.

LA NOTTE DELLE ARMONICHE

E’ nelle mani di Marco Pandolfi la serata che inaugura un’altra stagione di blues al Bloom di Mezzago. E in una sera dedicata all’armonica, lo storico locale omaggia anche Rice Miller, meglio noto come Sonny Boy Williamson II, a cinquant’anni dalla sua dipartita. Un tributo che cresce in sordina, con gli ospiti d’intorno alla band di Pandolfi, che in effetti è protagonista di tutto l’evento, declinato in jam  però solo nella seconda parte. La prima ha visto piuttosto l’apertura del front – man con la presentazione del nuovo disco No Dog In This Hunt, per una dozzina di canzoni, assieme alla sezione ritmica di Federico Patarnello alla batteria e Lucio Villani al contrabbasso, poi dietro le linee ad accompagnare tutta la cosiddetta “Notte delle Armoniche”.  E se chi si aspettava una festa “tout court” per il soffiatore d’ance di Helena ha dovuto ricredersi, non ha affatto deluso ciò che in effetti si è rivelato un climax ascendente, con l’attesa degli evergreen dello storico bluesman anticipati dai nuovi pezzi dell’ensemble sul palco, prima del passaggio di scene a fronte di un pubblico sempre numeroso.

The Reverend, The Lady and The Undertakers, infiammano Sconfinart

Il weekend ferragostano si chiude come non meglio si poteva sperare, in una lucente notte stellata a Pegognaga (MN), per una serata di quel gran bel progetto culturale-musicale che è Sconfinart. L’evento, che si suddivide tra i Giardini Gina Bianchi di Suzzara e – come questa sera – al Parco Florida di Pegognaga, è stato creato dalla Cooperativa C.H.V. Onlus che dal 1986 opera con mirabile cura e passione nel campo sociale gestendo servizi di assistenza, formazione e integrazione a favore di persone con handicap e disagio sociale a rischio di marginalità. E allora questo ammirevole progetto – guidato da Cayo Delegati (ma lui, ovviamente, ci dirà da tutto il gruppo) – ha l’intento di estirpare la marginalità dalle periferie per portarla “in centro e al centro” di quella che dovrebbe essere la vita sociale, regalando

MAURO FERRARESE – Wounds, Wine & Words – Autoprodotto (I)-2011-

Questo CD di Mauro Ferrarese rimane ad oggi l’ultimo suo episodio solista, in quanto lo vede impegnato solo con voce e dobro. Una situazione con la quale c’è nato e con la quale si trova particolarmente a suo agio, perché mette a frutto il suo costante impegno per l’apprendimento del blues delle origini, con un’attenzione anche per una parte della musica popolare bianca americana. Ci convive quotidianamente con la tradizione, tanto da essere una specie di hobo immerso nell’antico rituale… [continua a leggere nel numero di giugno]