INTERVISTA SUPERDOWNHOME

Introduzione Hanno aperto i concerti di tutti i mostri sacri del blues e non solo, sono andati a Memphis per l’International Blues Challenge, guadagnandosi pure un invito al Cigar Box Festival di More »

Dal Mississippi Al Po 2020

La XVI edizione del festival Dal Mississippi Al Po si è aperta il 27 agosto con una line up d’eccezione: Roberto Luti & Angelo Leadbelly Rossi seguiti da Gnola Blues Band feat. More »

Trasimeno Blues Festival 2020

La musica come medicinale; viatico per ogni tipo di trattamento, sia si tratti di malessere psicofisico o semplicemente spirituale, ed in un contesto difficile e inusuale come quello che stiamo vivendo il More »

TORRITA BLUES 2020

Never give up! Quest’anno il Torrita Blues Festival lo vogliamo sottotitolare così. Non è il solito evento e non può essere diversamente visto le innumerevoli restrizioni dovute al covid, ma proprio per More »

Il Blues n.151 Giugno 2020

            In questo numero: Maxwell Street Jimmy Davis Robert Johnson John Lee Hooker Robert Lee Coleman Eliza Neals Dave Van Ronk Alberta Hunter Recensioni Italiane ed Estere More »

INTERVISTA A FOLCO ORSELLI

Abbiamo incontrato Folco Orselli al Joh Barleycorn di Milano per l’organizzazione di uno degli appuntamenti del Dr Feelgood Beer & Talk Show, il format che veniva condotto da Maurizio Faulisi e trasmesso More »

A Virus Called Blues

            Pillole musicali  per sopravvivere alla Quarantena GARY SMITH’S BLUES BAND – Gary Smith’s Blues Band (Messaround) -1974- MAGIC SLIM – Alone And Unplugged (Wolf) -1996- BUDDY GUY – Blues Singer (Silvertone) More »

Tag Archives: Pablo Leoni

Milano Blues Sessions

Il ritorno del Festival Blues nel capoluogo lombardo, evento lungamente assente da molti anni, ha avuto luogo nel centralissimo Teatro San Babila raccogliendo sia il successo di pubblico registrato con il tutto esaurito in entrambe le serate, sia per la qualità proposta dalle performance musicali. Responsabile dell’iniziativa, l’associazione “The Blues Place” della famiglia Capurso, appassionati che da tempo coltivavano il sogno di organizzare una manifestazione dedicata alla musica del diavolo. Il cartellone, ha visto succedersi sul palco cinque gruppi, quattro di essi incentrati sul ruolo dell’armonica, complice la passione per lo strumento del giovane Andrea Capurso, armonicista a sua volta. A fare gli onori di casa, introducendo ogni band, la voce di Virgin Radio, Maurizio Faulisi, con puntualità e simpatia.

Dave Keyes – Nidaba, Milano

Bel concerto di questo tastierista, cantante di New York, lo scorso 16 gennaio al Nidaba di Milano, in una delle poche date italiane del suo tour del mese di gennaio, prima di raggiungere in Francia la band dell’amico Popa Chubby. Un ottimo trio lo accompagna, formato da Pablo Leoni batteria Alessandro Diaferio basso e Heggy Vezzano alla chitarra.

9° GILGAMESH BLUES FESTIVAL – KENNY BRAWNER TRIO

Passano gli anni, e 25 son tanti, si succedono le gestioni, ma al Magazzino di Gilgamesh, storico locale torinese, sempre risuona il blues mentre l’entusiasmo e la simpatia dei suoi patron è la ferrea regola. Tra febbraio e marzo il piccolo club, sfruttando al massimo le sue possibilità e dando fondo a tutte le risorse, ospita il Festival Blues, che quest’anno approda alla 9° edizione. In cartellone una interessante infilata di artisti blues locali, nazionali ed internazionali in grado di soddisfare tutti i palati perché esprimono tutte le sfumature della “Musica del Diavolo”. La serata di giovedì 5 marzo porta sullo storico palco di piazza Moncenisio 13 bis, due band. Apertura affidata a Eight O’clock Blues Band: Fabio Giua, Angelo Vergnano Roby Carbonari e Gabriele Fabiettus appaiono quadrati e compatti alla meta, che dal 2003, anno della loro formazione, è divulgare il verbo del blues in tutte le sue accezioni. Un profilo filologico di certo incoraggiato da Andrea Scagliarini, professore di nome e di fatto dell’armonica (e non solo) che da tempo collabora con loro.

LA FESTA DEI 31 ANNI DELLA RIVISTA

Era da un po’ che ci frullava nella testa, una festa, un ritrovo per gli amici, un momento per stare insieme, con un po’ di retorica si direbbe “come ai bei vecchi tempi”, insomma una scusa per ascoltare della bella musica insieme. Sembrerebbe anacronistico voler festeggiare proprio in questo momento, quando per motivi economici e non solo siamo stati costretti a passare alla rivista digitale, ma già Ford diceva che proprio quando va male bisogna investire, per cui chi siamo noi per contraddirlo.

LODI BLUES FESTIVAL

Angelo “Leadbelly” Rossi (foto Matteo Fratti)

Un appuntamento che resiste e non demorde, e la melegnanese Groove Company non ferma il treno che sette anni fa inaugurava uno dei pochi Blues Fest invernali (per non dire l’unico) in quel capoluogo del lodigiano, dai malati d’America detto come l’omonima canzone dei Creedence “Lod- (h)-ai”, California (…ma non c’è il sole e un marzo che pare inverno non ha giovato nulla al posticipo delle date delle session, 1 e 2 marzo, di solito a metà febbraio).

Tributo a Cooper Terry

Domenica 3 marzo. Ore 21:30, Amigdala Theatre, Trezzo sull’Adda. Dopo un ritardo scenico dei soliti quindici minuti per far calare gli spettatori in uno stato d’animo sempre più blues, salgono sul palco i fratelli Marco e Franco Limido, rispettivamente chitarra e armonica/voce, Pablo Leoni alla batteria e cori, e Lillo Rogati al basso e contrabbasso; ospite a sorpresa della serata Andy J. Forest, bluesman di New Orleans ma con molti trascorsi nel nostro paese, che si diletta e ci impressiona con un’ottima apparizione sul palco tra chitarra, armonica e aneddoti divertenti sull’uomo a cui questa serata rende omaggio: Cooper Terry.