Clarksdale, Mississippi

cedellQuattro giorni nella capitale del Blues, un continuum tra ieri e oggi                           di Francesca Mereu

Il primo sole caldo di primavera illuminava le piatte e diritte strade che tagliano piantagioni di cotone e mais. Un sole che quest’anno non solo nel Mississippi, ma anche in tutto il profondo Sud, si è fatto attendere. Sembrava quasi che anche la campagna circostante, e non solo Clarksdale, si fosse agghindata per accogliere il Juke Joint Festival. E dal 9 al 12 aprile il centro decadente di questa cittadina di appena ventimila anime, che ha però dato i natali ai più grandi bluesmen d’America, ha ospitato più di cento performance. [continua a leggere nel n° 131– Giugno 2015]